Capo Figari è un promontorio calcareo situato nella fascia costiera della Gallura, nel nord-est della Sardegna, in comune di Golfo Aranci, che si protende sul mar Tirreno. Chiude la parte più settentrionale del golfo di Olbia e l’altezza della cima più elevata raggiunge i 344 metri; nella parte sudorientale presenta una scogliera alta 200 metri a picco sul mare. Sono presenti due rilievi carbonatici: Sa Rocca Ruja ad ovest (269 m s.l.m.) e P.ta Semaforo ad est (342 m s.l.m.).

Sito di importanza Comunitaria (SIC) di Capo Figari e Isola di Figarolo, istituito ai sensi della Direttiva Habitat 92/43/CE per i tesori naturalistici che custodisce in terreni di biodiversità. La riserva si estende per ben 850,876 ettari lungo la costa nord-orientale della Sardegna ed è un vero e proprio museo a cielo aperto, in cui ammirare bellezze paesaggistiche e tesori marini attraverso spettacolari escursioni.

Il territorio è un affascinante rilievo asimmetrico con ripide pareti biancastre a picco sul mare, che presenta numerose falesie alte fino a 200 m costituite da banchi di dolomie e calcari del giurese appartenenti alla stessa formazione dell’isola di Tavolara, del Golfo di Orosei e dei “Tacchi” dell’Ogliastra. Capo Figari è collegato al retroterra da un istmo basso e sottile che, con molta probabilità, rimase interamente circondato dalle acque per un breve periodo in epoche passate, come dimostrano i depositi marini dell’istmo e la presenza di specie come il Conus Mediterraneus.

La struttura e la morfologia di questa area si ripete in piccolo nell’isolotto di Figarolo, che raggiunge i 139 m di quota ed è costituito da una potente impalcatura di strati calcari alternati a dolomie, sbandata anch’essa di 45°  circa a sud-est su un basamento gneissico. La costituzione dell’area SIC di Capo Figari e Isola di Figarolo nasce, quindi, con l’intento di tutelare questo insieme di falesie e bastioni calcarei che rappresentano un habitat ideale per molte specie faunistiche.

Il promontorio si può visitare sia dal mare passando attraverso la costa di Cala Greca, sia da terra passando per la spiaggia di Cala Moresca; ai suoi piedi sul lato non esposto al mare aperto si trova il porto di Golfo Aranci, da cui partono collegamenti per Civitavecchia e altri porti italiani, nonché la stazione ferroviaria, con la linea proveniente da Olbia.

In prossimità del capo è presente l’osservatorio di capo Figari, conosciuto per essere stato il luogo in cui Guglielmo Marconi fece installare il collegamento in microonde di 269 km fra capo Figari e Rocca di Papa.

Fonte Wikipedia